» Venerdì 6 dicembre “Il parto delle nuvole pesanti” in concerto al Miela

Teatro Miela
Venerdì 6 dicembre
ore 21.00 concerto
Il parto delle nuvole pesanti
Niente Nanna per l’uomo ne’

Il nuovo singolo di Sottomondi, il 13° album della band calabro-bolognese, è dedicato a quell’umanità sofferente e caleidoscopica, maggioritaria e senza voce. La ninna nanna affronta il tema del razzismo e incrocia la vicenda di Riace con i versi conclusivi e surreali “niente ninna per chi vive a Riace – niente nobel per la pace – niente ninna a chi dà una mano”.

Fondato nel ’90 da Salvatore De Siena, Il Parto delle Nuvole Pesanti ha finora realizzato 12 album, fondendo stili e linguaggi differenti, dall’etno-rock mediterraneo degli esordi, passando per la canzone d’autore fino alla world music abbracciata negli ultimi album.
La musica del Parto miscela la tradizione musicale italiana con alti contenuti poetici e influenze world music, dove melodie nuove nascono dall’incontro tra strumenti nuovi e antichi, concedendosi originali sperimentazioni. Energia, poesia, denuncia sociale, innovazione e tradizione, caratterizzano la proposta musicale. Il live è un crocevia di suoni e liriche, ironia e allegria, miscelati a momenti teatrali, circensi e mimici. I live, i viaggi, il pubblico, le feste nelle piazze, sono aria, nutrimento necessario per l’energia delle Nuvole Pesanti, che hanno fatto dei concerti dal vivo uno dei momenti più magici, irrefrenabili ed emozionanti della storia della band.

Niente Ninna per l’uomo ne’ è una ninna nanna che affronta il tema del razzismo in modo leggero e ironico usando lo stile della filastrocca su versi semplici ma al tempo stesso poetici, dal significato profondo e dal sapore agrodolce “la mia bimba ha la pelle scura” e persino “la ninna si mette paura”. Un sottomondo che incrocia la vicenda di Riace con i versi conclusivi e surreali “niente ninna per chi vive a Riace – niente nobel per la pace – niente ninna a chi dà una mano – niente ninna per Mimmo Lucano” ed inevitabilmente riflette come in uno specchio e racconta per flash il tempo in cui il nonno partito dall’Italia non fece in tempo ad entrare nel mitico porto, giusto per non perdere la memoria.

organizzazione: Bonawentura

Ingresso € 12,00, riduzioni convenzionate € 10,00. Prevendita c/o biglietteria del teatro (tel. 0403477672) tutti i giorni dalle 17.00 alle 19.00

Scritto il 1 dicembre 2019
in Diario, News, Uncategorized

Con il contributo di

Programma S/paesati

Newsletter

Resta sempre informato sulle attività dell'Associazione culturale S\Paesati.

* campo richiesto.