» La Transumanza della Pace: il filo rosso delle donne

Magazzino delle Idee
domenica 25 novembre 2012 ore 18:00
ingresso:

Un road movie montanaro italo-bosniaco

di Roberta Biagiarelli
Italia, 2011, 53’

Roberta Biagiarelli, attrice e autrice, racconta la sua esperienza in Bosnia attraverso la lettura di poesie sul tema della violenza sulle donne, con l’accompagnamento musicale della fisarmonica di Max Maber e servendo caffè balcanico. Al termine, verrà proiettato il suo documentario “La Transumanza della pace”, un road movie che narra di una storia di solidarietà e cooperazione tra la Val Rendana in Trentino e Suceska, nella municipalità di Srebrenica in Bosnia-Erzegovina.

Un documentario che ha per protagonisti i paesaggi e i pascoli del Trentino e di Suceska nella Municipalità di Srebrenica in Bosina-Erzegovina, le persone e gli animali che li popolano. Facendo tesoro dell’esperienza maturata negli anni nell’area di Srebrenica, Roberta Biagiarelli ha realizzato un road movie per raccontare il trasferimento e la consegna di quarantotto manze dalla Val Rendena (TN) alle famiglie di Suceska-Srebrenica (Bosnia-Orientale) e gli sviluppi sul territorio. Un’azione di solidarietà esemplare ed incisiva che prende avvio dalla professionalità e l’esperienza sul campo di Gianni Rigoni Stern per porre rimedio in modo concreto ai danni lasciati sul campo dalla guerra e per ripristinare le condizioni di una ripresa per una prospettiva del futuro agricolo di quelle comunità bosniache ancora oggi in grande difficoltà a quindici anni dalla fine della guerra. Il prezioso trasferimento di sapienza legata ai ritmi della terra da un Altopiano italiano, quello di Asiago verso un Altopiano bosniaco.
Un road movie come caso esemplare di solidarietà diretta ed efficace, per una ri-generazione di valori, di scambi e relazioni positive tra compaesani che vivono in differenti geografie.

Documentario alla presenza della regista.


SCHEDE DI APPROFONDIMENTO E BIOGRAFIE

Roberta Biagiarelli è attrice, autrice, documentarista, progettista teatrale. Nasce a Fano (PU) il 16 febbraio 1967. Si forma alla scuola dell’esperienza di Laboratorio Teatro Settimo (TO), gruppo con il quale lavora dal 1988 al 2001, prendendo parte alla messa in scena di diversi spettacoli. Nel 1998 si appassiona di Balcani e scrive insieme a Simona Gonella, basandosi sul libro di Luca Rastello  La guerra in casa pubblicato da Einaudi, il monologo teatrale A come Srebrenica che attualmente ha al suo attivo più di 400 repliche. Nel 2002 fonda la Compagnia BABELIA & C.-progetti culturali dedicandosi con maggiore slancio alla produzione, ricerca ed interpretazione di temi sociali, storici e politici.

Scritto il 24 settembre 2012
in Edizione 2012

Con il contributo di

Programma S/paesati

Newsletter

Resta sempre informato sulle attività dell'Associazione culturale S\Paesati.

* campo richiesto.