» Il futuro delle reti culturali

Stazione Rogers
giovedì 06 dicembre 2012 ore 18:00
ingresso:

La Stazione Rogers ospita la Rete dei festival del “Caffè sospeso”, ovvero 7 festival che vanno da Lampedusa alla Valsusa passando per Riace, Napoli, Polizzi Generosa (PA) e Cagliari. Sono in arrivo a Trieste i partner di S/paesati, associazione organizzatrice dell’incontro “IL FUTURO DELLE RETI CULTURALI”.
In chiusura alla tredicesima edizione della rassegna, la Rete del Caffè sospeso, fondata a Napoli due fa, si interroga sulla necessità e sulle modalità della collaborazione tra realtà culturali.

Perchè fare rete? Come rendere sostenibile ed efficace un modello di cooperazione tra realtà culturali? E’ quanto mai attuale l’esigenza di cooperare creando network compositi al fine di accedere ai bandi per fondi pubblici, soprattutto europei, ma non solo. Allo stesso modo è necessario essere compatti e forti per proporsi ai finanziatori privati, siano essi partner, investitori, sponsor o donatori.

Questo incontro, organizzato in collaborazione con l’Associazione ETRARTE di Udine, vuole proprio essere un momento di confronto pensato per dar voce a tutti i “portatori di interesse” della produzione culturale: istituzioni, operatori culturali, artisti, soggetti pubblici e privati. Una riflessione condivisa e un dialogo aperto per capire come condividere risorse, ricerche e produzioni culturali.

Saranno presenti anche gli altri partner di S/paesati, di questa edizione e delle precedenti, nonché altre realtà culturali e associative della regione, fra cui: il Teatro Sloveno, la Contrada Teatro Stabile di Trieste, l’ICS – Ufficio Rifugiati, l’Istituto Livio Saranz, ZSKD – Unione dei Circoli Culturali Sloveni, Stazione Rogers.

Scritto il 25 settembre 2012
in Edizione 2012

Con il contributo di

Programma S/paesati

Newsletter

Resta sempre informato sulle attività dell'Associazione culturale S\Paesati.

* campo richiesto.